Chi è Augusta Foni

Augusta Foni

Laureata in Filosofia all’Università degli Studi di Milano con una tesi in Pedagogia. Ha insegnato nel Canton Ticino e in Italia. Come operatrice di un Servizio di igiene mentale dell’età evolutiva del Comune di Milano ha partecipato all’attività di prevenzione e intervento in strutture educative per l’infanzia. È stata responsabile di un nido e ha una lunga esperienza con Comuni e cooperative per la formazione del personale di nidi, centri di bambini e famiglie e scuole dell’infanzia in Lombardia, Trentino, Toscana. Nello stesso ambito ha svolto, per diversi soggetti pubblici e privati, attività di consulenza per lo sviluppo organizzativo e la progettazione di servizi. È stata docente in seminari per la laurea triennale presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Torino. Ha trattato i temi dei servizi educativi per la prima infanzia in convegni e varie pubblicazioni.


La relazione con le famiglie al nido

Percorsi di formazione, dialogo e partecipazione

Come possono le educatrici e gli operatori accompagnare i genitori dei bambini nel percorso all’interno dei servizi educativi per l’infanzia in modo efficace, senza invadere e senza sentirsi invasi? Con quali attenzioni riescono ad accogliere le richieste delle famiglie, quelle esplicite e quelle, altrettanto intense, ma inespresse? In che modo possono promuovere la collaborazione all’interno del gruppo di lavoro e il partenariato con le famiglie, gestendo le aree conflittuali presenti nelle interazioni quotidiane?
Frutto della lunga esperienza dell’autrice all’interno di questi servizi, il libro presenta i contributi che i processi formativi del personale offrono per rispondere alle molteplici domande sulla relazione con i genitori, tema complesso e delicato in tutti i servizi per l’infanzia, ma in modo particolare nel nido.
Ricco di spunti operativi e di preziosi suggerimenti, il volume è pensato per facilitare educatrici e famiglie nella co-costruzione del percorso educativo dei bambini, attraverso il riconoscimento reciproco e la percezione più realistica e integrata del loro ruolo e dei loro tratti identitari, in un circolo virtuoso che promuove i processi di scambio sulle esperienze che maturano giorno per giorno al nido e a casa.

Sostieni gli Amici della Biblioteca

iscriviti alla newsletter